Denti gialli

Oggi è fondamentale avere una dentatura perfetta e un sorriso smagliante, segno di salute e che ci prendiamo cura di noi stessi e della nostra igiene personale. Spesso però i denti appaiono gialli anche contro tutti i nostri tentativi di tenerli puliti e bianchi. Le cause dei denti gialli possono essere diverse, sia legate a fattori genetici che all’alimentazione, alla scarsa igiene orale e allo stile di vita. Per sbiancare i denti gialli è necessario rivolgersi a un dentista, ma esistono anche dei rimedi naturali fatti in casa che possono aiutare, ovviamente stando attenti a non esagerare.

Le cause dei denti gialli

Perché i denti diventano gialli? Quante persone si pongono questa domanda, spesso disperate perché dicono di lavarli sempre e fare tutto il possibile per mantenerli bianchi e puliti. Purtroppo le cause dell’ingiallimento dei denti non sono riconducibili solo alla scarsa igiene orale, ma anche ad alcuni alimenti di uso comune come la cioccolata, il caffè, la liquirizia, le bevande alcoliche e quelle ricche di zuccheri e coloranti. Anche il fumo danneggia lo smalto dei denti, provocando oltre al tipico colore giallo la comparsa di macchie e altri inestetismi. Altre cause sono riconducibili all’invecchiamento e all’uso di farmaci, in particolare ad alcuni antibiotici e medicinali per la cura delle malattie croniche.

Come prevenire lo smalto dei denti

Il normale colore dei denti è di un bel bianco chiaro, ma è possibile che alcune persone tendano a sfumature più accentuate, come il perla o il bianco pallido quasi giallino. Avere i denti gialli significa che lo smalto che li protegge è rovinato, intaccato da uno strato oleoso di placca e tartaro, dove i batteri prosperano e si moltiplicano velocemente. Per prevenire la comparsa del tartaro e dei denti gialli è necessario lavare sempre accuratamente i denti, usare quotidianamente il filo interdentale e se necessario anche collutori disinfettanti.

Inoltre bisogna seguire un’alimentazione che faccia largo uso di frutta, verdura, fibre e alimenti ricchi di antiossidanti e vitamine, evitando le cattive abitudini come il fumo, l’alcool, le bevande e i cibi pieni di zucchero. È fondamentale effettuare la pulizia dei denti almeno due volte l’anno, eliminando tutto il tartaro in eccesso fin nelle profondità delle tasche gengivali, tenendo lo smalto sempre pulito.

Come sbiancare i denti gialli

I trattamenti professionali per riportare i denti gialli al loro antico splendore, consistono in delle sedute dove l’igienista dentale provvede a eliminare con attenzione tutto il tartaro e la placca. Per fare ciò si avvale di una tecnica che prevede l’uso di soluzioni a base di acqua ossigenata, che sparata a pressione sui denti riesce a staccare ogni minima traccia di tartaro. In questo modo i denti ritornano a essere bianchi e puliti, senza che ne sia intaccato lo smalto. Si tratta del prezioso rivestimento importantissimo per la salute dei denti, spesso rovinato da rimedi fai da te improvvisati sul momento.

Il costo di un trattamento per lo sbiancamento dei denti si aggira tra i 250 e i 350€, a seconda della zona e dello studio dentistico. Si consiglia un intervento di pulizia almeno ogni sei mesi, mentre lo sbiancamento può tranquillamente essere ripetuto ogni due o tre anni. Altri rimedi come i dentifrici e le pennette sbiancanti possono essere applicati da soli in casa. In questi casi si consiglia di non ripetere i trattamenti per più di due settimane, alternando un periodo di pausa di almeno un mese.

Rimedi naturali contro i denti gialli

Esistono alcuni rimedi naturali che sono molto usati per sbiancare i denti gialli, soluzioni fai da te che devono essere usate con estrema cautela e attenzione, senza esagerare nelle dosi e nella frequenza dei trattamenti. Tra quelli più usati c’è il bicarbonato di sodio, una sostanza usata anche dagli stessi dentifrici sbiancanti. Basta mischiarne alcuni grammi in un po’ d’acqua e strofinare bene i denti, risciacquando in abbondanza.

Il bicarbonato di sodio è piuttosto forte e riesce a eliminare la maggior parte del tartaro e della placca. È importante però non passarlo sulle gengive, soprattutto in caso queste siano danneggiate o ipersensibili. I trattamenti con acqua e bicarbonato non devono essere ripetuti per più di una volta al giorno, comunque mai oltre una settimana o dieci giorni, dopo i quali è necessario un periodo di pausa piuttosto lungo.

È possibile sbiancare i denti gialli anche con delle applicazioni di limone, ma in questo caso sono sconsigliati i trattamenti giornalieri, limitandone l’uso a una volta a settimana. Leggermente meno utilizzati sono l’acqua e sale e i composti di a base di salvia, le cui foglie possono anche essere anche strofinate direttamente sui denti gialli.

Rimedi contro i denti gialli: alcuni consigli utili

Sbiancare i denti in casa sta diventando una vera e propria moda, con sempre più persone che sperimentano nuovi metodi casalinghi e ne postano i risultati sui social o su Youtube. Alcuni trattamento come quelli con il bicarbonato di sodio sono estremamente efficaci, ma non bisogna esagerare o abusarne. Un eccesso nell’uso di sostanze innocue come anche il limone o l’acqua ossigenata potrebbe portare a gravi conseguenze, sia per i denti che per la salute.

Per ottenere i migliori risultati e stare tranquilli è sempre consigliabile rivolgersi a un dentista o un igienista dentale, in grado di assicurare risultati perfetti e duraturi. In caso vogliate cimentarvi con rimedi fai da te siate prudenti, perché oltre a intaccare irrimediabilmente lo smalto dei denti, potreste andare incontro a problemi allo stomaco e all’apparato digerente.